top of page

AEP

Incisioni e disegni
Engravings and drawings

uomo cn il pallone.jpg
Home: Welcome

Perché ritrarre le persone con obesità

Dal 1993 mi occupo di terapia dell’obesità. Non si intende qui persone con qualche chilo di troppo, ma di persone che hanno un peso elevatissimo, di persone che, secondo le definizioni, sono affette da obesità “morbigena”, o obesità molto grave. Si discute molto se l’obesità sia una causa di malattie o se sia essa stessa una malattia, ma senz’altro la persona obesa non sta bene. 


Nella prospettiva comune la persona obesa è una persona spensierata che mangia troppo. Invece mi hanno sempre colpito il senso di inadeguatezza delle persone obese e l’impossibilità di affrontare i loro compiti quotidiani; tutto nella loro vita è complicato, anche solo l’allacciarsi le scarpe. E poi la sensazione di essere additate con disprezzo dagli altri. E infine la frustrazione dei ripetuti tentativi di ritornare ad un peso normale o comunque “accettabile”. 


Ad uno dei numerosi congressi che vedevano anche la presenza di persone obese, mi sono chiesto cosa potessi fare per dare una mano alla comprensione delle paure, dei sogni, e delle sfide delle persone obese. Così ho pensato di ritrarre queste persone.

Ho cominciato a fare qualche schizzo, poi mi sono innamorato della tecnica ad acquaforte (incisioni su alluminio che danno alla fine stampe in bianco e nero o a colori), che ho imparato e sviluppato nella bottega di Gigi Pedroli (Centro dell’incisione, Alzaia Naviglio Grande, Milano *). E quindi ho deciso di utilizzare questa tecnica per descrivere meglio i sentimenti delle persone obese durante le loro vita quotidiana.

Le mie acqueforti sono state esposte nella mostra “Leonardo inciso” del 2019 e nella mostra “La bicicletta” del 2020 ***



* Acquaforte e acquatinta

Sono tecniche calcografiche, in cui l’immagine stampata per pressione su carta deriva da una lastra di metallo incisa. Si prepara una lastra di zinco o di rame, la si copre a caldo di catramina e cera. Si incide sulla lastra l’immagine con una penna da intaglio in acciaio, e si immerge la lastra in acido nitrico diluito. L’acido penetra in profondità nella lastra solo in corrispondenza dell’incisione; quando la lastra viene ripulita dalla cera con un diluente (benzina), i tratti incisi trattengono l’inchiostro (aquaforte). Si possono eseguire incisioni aggiuntive della lastra con penna da intaglio in acciaio (punta secca), in genere meno profonde. La lastra può essere nuovamente preparata con polvere di catramina a caldo. Ripetendo più volte il bagno in acido nitrico, si ottengono annerimenti progressivi della lastra per la reazione tra catramina e acido nitrico (acquatinta); le parti ricoperte di catramina e cera rimangono invece chiare). Pulita dalla cera con un diluente (benzina), la lastra viene inchiostrata con inchiostro da stampa. Dopo ripulitura dall’eccesso di inchiostro con tessuto (tarlatana), la lastra viene messa sul letto di un torchio a pressione insieme al foglio di carta sotto un panno di feltro; il foglio di carta deve essere umido al momento della stampa. L’immagine che si ottiene per pressione sul foglio di carta è speculare rispetto all’originale. Si possono tirare numerose copie di ogni immagine, ripetendo l’inchiostratura per ogni copia. 

** Lo specchio si gloria forte tenendo dentro a sé specchiata la regina e, partita quella, lo specchio riman vile.


*** www.centrodellincisione.it

Home: Text

Drawing obese people

Since 1993 I have been interested in obesity treatment. I do not mean people with a small excess of body weight kilos, but persons with an excessive amount of body fat; according to current definitions, these are persons with “morbid” obesity or “very severe obesity”. There is an ongoing discussion whether obesity is a disease itself, or a cause of diseases, but, for sure, an obese person is not in good health.


From a common perspective, obese people are happy persons who just eat too much. Instead, I have always been impressed by the feeling of inadequacy of obese persons and by their inability to cope with their everyday duties and tasks: everything is complicated and hard to do, even to tie their own shoe laces. Moreover, they often feel other people make fun of them, or blame them for their aspect. Finally, many are also frustrated by several unsuccessful attempts to lose weight to return to a normal body weight, or at least to an “acceptable” one.

During one of several meetings on obesity I attended, where obese persons were also present, I wondered how I could contribute to a better understanding of the fears, dreams and challenges faced by obese people. And this is when I thought that I could try and draw these persons.

After a few pencil sketches, I fell in love with the “acquaforte” technique (etching, engraving metal plates to eventually end with black and white or color prints), that I learned and developed in the Atelier of Gigi Pedroli (Centro dell’incisione, Alzaia Naviglio Grande, Milano *). Therefore, I decided to use this technique to better explore the feelings obese people might go through in their life. 


My “acquaforte” have been exposed at the show “Leonardo inciso” in 2019 and in the show “La bicicletta” in 2020.  ***


* details of the technique can be found at https://www.metmuseum.org/about-the-met/curatorial-departments/drawings-and-prints/materials-and-techniques/printmaking/etching


** Lo specchio si gloria forte tenendo dentro a sé specchiata la regina e, partita quella, lo specchio riman vile.


*** www.centrodellincisione.it

Home: Text

Antonio E. Pontiroli

Antonio E. Pontiroli è Professore di Medicina Interna (a riposo) all’Università degli Studi di Milano.

Sposato con Paola dal 1972, ha due figli Andrea e Francesca.

Svolge ricerca nel campo del diabete e dell’obesità in collaborazione con Istituti italiani e internazionali. 

Antonio E. Pontiroli, is full Professor of Internal Medicine (retired) at Università degli Studi di Milano.

Married to Paola since 1972, has one son Andrea and one daughter Francesca.

His field of interest is obesity and diabetes, and he cooperates with Italian and international research centers.

Home: About
bottom of page